Paola Angeli Official Website

sito-banner-2

Biografia

sito-prova

Paola Angeli nasce a Bologna il 7 ottobre 1970, già durante il liceo studia canto, chitarra, pianoforte e comincia a scrivere canzoni. Nel 1997 si laurea in Storia Orientale e nello stesso anno inizia ad insegnare canto privatamente.

Nel 1993 è a Sanremo Giovani l’anno successivo al Festival di Sanremo, contemporaneamente esce il suo primo cd “Merlino

Nel 1996 vince il 2° premio al Concorso per autori in occasione dei cinquant’anni dell’Unicef in onda su canale 5. Dal 1999 al 2000 è docente di canto moderno presso l’Accademia Arcanto di Bologna e l’anno seguente presso il Music Academy 2000 della stessa città, dove tiene un corso sullo stile e sulla vocalità dei cantautori italiani.

Sempre nel 2001 conosce Giancarlo Di Maria, arrangiatore e produttore con il quale inizia una lunga e profonda collaborazione e vince il Premio della Critica al Festival di Musicultura.

Tre anni dopo, nel 2004, è finalista come autrice del testo allo Zecchino D’Oro e il 30/11/2004 partecipa, insieme a Michele Serra, ad una serata ideata da Ivano Marescotti presso il teatro di Conselice.  Intanto, dal 2006 al 2007 prosegue la sua carriera di docente,  presso la scuola Note colorate di Bologna, inoltre vince il premio Imaie e il premio per il miglior testo a Musicultura, seguito l’anno dopo  dal premio Bindi, il premio per il miglior testo al festival di Biella; è, inoltre, finalista al Premio Bianca D’Aponte.

Nel 2009 è tra gli otto vincitori di Musicultura e finalista come autrice del testo al concorso per bambini Ambrogino d’oro di Milano. Il 25 luglio 2010 vince l’Italian Music Festival. Da settembre 2010 tiene seminari sulla “canzone d’autore” presso la scuola di canto Lorena Scaccia di Civitavecchia e un corso sull’interpretazione vocale.

Nello stesso anno,  insegna canto e teoria musicale presso la Piccola Accademia della comunicazione e dello spettacolo di Stefano Jurgens a Roma, tiene seminari sulla “canzone d’autore” presso la scuola di canto Lorena Scaccia di Civitavecchia e un corso sull’interpretazione vocale.

Mentre, in qualità di docente, dal 2011 al  2014 insegna canto presso la scuola DRM di Roma e tiene corsi di rieducazione della voce presso alcune scuole elementari e materne di Ladispoli e Civitavecchia,  nel Gennaio 2012 è finalista come autrice del testo al concorso per bambini Ambrogino d’oro di Milano.

Prosegue instancabilmente la sua attività di docente, parallelamente a quella di cantautrice: dal 2013 al 2016 è docente di canto moderno presso l’Istituto Educativo Evoluzione Musicale di Ladispoli (Roma), tiene inoltre tiene seminari sull’interpretazione vocale presso diverse scuole di Roma e dal 2016 al 2018 insegna canto presso la Voice Art Dubbing scuola di doppiaggio che ha sede a Roma, Bari, Napoli e Catania.

Dal 2018 si trasferisce a Cremona dove inizia a collaborare con diverse scuole di musica della Lombardia.

 

Audio

+ Testo Sciarada

Führer, mein Führe tu sei il genio del male
non avrei mai creduto di desiderare
di essere crudele per ottenere spazio vitale
di dover ringhiare, i miei canini sono bambini

Insegnami ad odiare
a non provare compassione
a sterminare
l’emozione e la comprensione
la bellezza e tutta la dolcezza che ho….dentro…

Führer, mein Führer potrò chissà riuscire
io che sono un grillo a diventare uno sciacallo
a sterilizzare la mia coscienza da sempre incinta
a soffocare i sentimenti così arroganti

Insegnami ad odiare
a non provare compassione
a sterminare
l’emozione e la comprensione
la bellezza e tutta la dolcezza che ho….dentro…

E mi sorprendo
di quel che sento
io non so che succede in me
resto qui in attesa….

Führer, mein Führer mi fermo a mezza strada
tra ingenuità e cinismo io scelgo una sciarada

Non voglio più cercare
le risposte alle domande
ma solo rilassare
la mia mente sempre più presente
il mio cuore sempre più esigente
cuore e mente sono tutto quello che ho….dentro…

+ Testo L’Errore

Vedi, sono l’errore
quante le volte in cui mi hai partorito, cresciuto
sfamato, educato.
Quante le volte in cui
mi hai fatto sentire idiota, inutile, inadeguato
indesiderato.

Sono il figlio di quel vignaiolo che disse “Sì” al padre ma poi non andò
a lavorare nella vigna mentre l’altro rispose “No” ma poi si pentì…*

Guarda, sono l’errore
di me non ti libererai mai, mai, è evidente
categoricamente.
Per te io sono come un figlio anzi il prediletto
il figlio di primo letto, il figlio benedetto.

Sono il prodigo che tornò a casa e disse a suo padre: “Perdonami!
E il padre ai servi: Su prendete l’abito e il vitello più grasso, facciamo festa…”**

Hai paura di sbagliare allora dai non esitare
Hai paura di sbagliare allora dai non esitare
E non c’è niente di male un altro errore lo puoi fare
E non c’è niente di male un altro errore lo puoi fare

Ecco, ti ho detto tutto
adesso sì tocca a te fare la prima mossa
andare alla riscossa.

Non è vero che chi sbaglia impara, pensi di essere saggio ma non lo sei..
Scommettiamo che tra un po’ di tempo mi commetterai ancora ed io non mi sbaglio…

Hai paura di sbagliare allora dai non esitare
Hai paura di sbagliare allora dai non esitare
E non c’è niente di male un altro errore lo puoi fare
E non c’è niente di male un altro errore lo puoi fare
non c’è più niente da fare è inevitabile sbagliare
non c’è più niente da fare è inevitabile sbagliare.

 

 

* Matteo 21, 29
** Luca 15, 21-24


Gallery

Contatti

Per scrivere a Paola: paolaangeli@libero.it oppure compila il form sottostante:





Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio